Contenuto principale

Messaggio di avviso

SERVIZIO SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

Struttura organizzativa

1.1 L'Edificio

            Il Dirigente Scolastico ha provveduto a redigere "Documento di Valutazione dei rischi (DVR)" e il "Piano di Gestione delle Emergenze (PGE)", elaborati con la collaborazione del RSPP e del RLS.

            L'edificio è frazionato ad ogni livello da idonee porte tagliafuoco; ad ogni piano sono sistemati estintori portatili a polvere collaudati e controllati con regolarità.
            Le vie di esodo garantiscono una evacuazione efficace e rapida verso luoghi sicuri.
            Gli allarmi vengono segnalati con strumenti acustici (sirena, campanella, fischietti, ecc.).
            Una completa e attenta segnaletica rende agevole ogni spostamento

            All'interno dell'istituto è attivo un Servizio di Prevenzione e Protezione conforme al D. Lgs. 81/08 e alle direttive ministeriali.

 

1.2 Il Personale

            Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è nominato per legge dal "Datore di Lavoro", che per la scuola si identifica con il Dirigente scolastico.
Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è eletto su proposta e all'interno della R.S.U.

Il servizio di prevenzione e protezione 

            Individua i fattori di rischio, valuta i rischi e individua delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza della organizzazione scolastica.

Gli studenti ai fini della sicurezza sono considerati "lavoratori"

 

Sono attivi i seguenti servizi, di cui fanno parte personale docente e ATA:

- Primo Soccorso

- Servizio Antincendio

- Emergenza e controlli periodici

 

Comportamenti

            Il rispetto delle norme relative alla sicurezza, oltre che un obbligo di legge è anche un'opportunità formativa.

            Di seguito alcune azioni positive che devono far parte della cultura e dell'agire quotidiano:

  • Avere in ogni occasione un comportamento responsabile e conforme ai regolamenti;
  • Rispettare le disposizioni degli insegnanti;
  • Non danneggiare ed utilizzare correttamente impianti, apparecchiature e sistemazioni;
  • Non rimuovere o modificare dispositivi, segnalazioni e allarmi di sicurezza;
  • Avvertire l'insegnante di ogni anomalia riscontrata;
  • Avere rispetto dell'integrità propria ed altrui;
  • Conoscere le procedure;
  • Applicarsi con attenzione e diligenza nelle esercitazioni;
  • Promuovere la cultura della sicurezza e della prevenzione dei rischi


 

Modalità di evacuazione

            Al segnale di allarme (tre impulsi acustici ripetuti più volte) gli insegnanti e gli alunni procederanno alla preparazione dell'evacuazione dell'edificio secondo le seguenti modalità:

            Gli alunni apri-fila aprono la porta dell'aula e si collocano all'esterno di essa;

tutti gli altri alunni, con calma e ordinatamente, li seguono collocandosi in doppia fila indiana, uno per volta alle spalle degli apri-fila;

            Gli alunni serrafila chiudono la fila, controllano che tutti siano usciti e che la fila sia ordinatamente composta e pronta a muoversi;

            L'insegnante controlla che tutti gli alunni siano usciti, recupera il registro di classe, chiude la porta dell'aula e si colloca in coda alla fila;

            Ciascun insegnante valuterà l'immissione nei corridoi e verso le uscite di sicurezza secondo la praticabilità dei percorsi. 

            Ogni classe e gruppo di alunni seguirà il percorso segnalato, sempre tenendosi sul lato destro e in doppia fila indiana.

            Gli alunni non in classe al momento del segnale si aggregheranno al gruppo-classe più vicino, segnalando al docente nome e classe di appartenenza, per l'intera durata delle operazioni; sarà compito del docente, raggiunto il punto di raccolta, provvedere all'adeguata segnalazione.

Formazione

            Durante l'anno scolastico si effettua un piano di formazione diretta che si concretizza in:

Incontri con le classi prime;

Distribuzione di materiale didattico;

Simulazione dell'esodo in caso di emergenza;

Aggiornamento del personale docente